Calendario Economico - La fiducia dei consumatori dice molto sull'economia - FTMO
thumbnail
Suggerimenti per il trading

Calendario Economico - La fiducia dei consumatori dice molto sull'economia

I dati sulla fiducia e sul sentiment dei consumatori non si basano su cifre concrete e precise. Tuttavia, possono fornire a economisti e investitori indicazioni molto preziose sullo stato di un'economia.

I dati sul PIL, sull'inflazione o sul mercato del lavoro forniscono agli economisti un quadro chiaro dello stato dell'economia di un paese o di una regione. Tuttavia, spesso vengono pubblicati con un forte ritardo o sono soggetti a revisioni significative.

Le opinioni dei cittadini come guida per lo sviluppo futuro

I dati sul sentimento dei consumatori e delle famiglie, invece, non rappresentano cifre esatte perché si basano su un sondaggio della popolazione. Per gli economisti, tuttavia, sono un indicatore molto interessante di come il comportamento dei consumatori possa evolvere e cambiare in futuro. Quando i redditi delle persone aumentano a prezzi relativamente stabili, possono permettersi di spendere di più e la loro fiducia in un "domani migliore" cresce. Al contrario, in tempi di crisi, inflazione elevata e disoccupazione, la fiducia dei consumatori nell'economia tende a diminuire. Poiché, ad esempio, negli Stati Uniti i consumi delle famiglie rappresentano fino al 70% del PIL del Paese, sono un indicatore molto importante della direzione che prenderà l'economia.

Indice di fiducia dei consumatori CB

Uno dei dati più seguiti sul sentimento dei consumatori è l'indice di fiducia dei consumatori statunitensi (CCI) pubblicato dal Conference Board. Si tratta di un'organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 1916 a New York (denominata National Industrial Conference Board, NICB) in un contesto caratterizzato da una situazione economica allora negativa, da diversi eventi tragici e da crescenti tensioni tra grandi aziende e dipendenti. L'organizzazione, il cui scopo originario era quello di alleviare le tensioni tra i datori di lavoro e i loro dipendenti, comprende oggi più di 1.000 aziende pubbliche e private e opera in 60 Paesi.

Nell'ambito della raccolta dei dati per l'indice, l'azienda sta conducendo un'indagine mensile su 3.000 famiglie di diverse fasce di età e di reddito (per posta fino a maggio 2021, attualmente online). Si tratta di 50 domande che coprono cinque aree: condizioni economiche attuali, condizioni economiche per i prossimi 6 mesi, condizioni occupazionali attuali, condizioni occupazionali per i prossimi 6 mesi e reddito familiare totale per i prossimi 6 mesi.s part of the data collection for the index, the company is surveying 3,000 households of different age and income groups every month (by mail until May 2021, currently online). This consists of 50 questions covering five areas, namely current business conditions, business conditions for the next 6 months, current employment conditions, employment conditions for the next 6 months and total family income for the next 6 months.

L'indice viene pubblicato l'ultimo martedì del mese e mostra come i consumatori percepiscono la situazione attuale e quali sono i loro piani per il futuro. Un confronto tra i valori attuali e quelli passati può quindi fornire alle aziende e alle istituzioni un quadro di come sta cambiando la fiducia dei consumatori e quali tendenze aspettarsi nell'economia. In genere, un valore superiore a 100 viene interpretato come ottimismo e un valore inferiore a 100 come crescente pessimismo dei consumatori. Durante la recessione del 2008-2009, l'indice ha raggiunto i minimi storici di circa 25 punti, mentre prima del 2000 aveva raggiunto un massimo di circa 140 punti.

Indice del sentiment dei consumatori dell'Università del Michigan

Un altro indice che rileva il sentimento dei consumatori negli Stati Uniti è l'University of Michigan Consumer Sentiment Index (UMCSI). Come il CCI, questo indice è basato su un sondaggio, in questo caso telefonico. È condotto dall'Università del Michigan e consiste in circa 50 domande. Copre sette aree, tre delle quali riguardano le condizioni attuali (situazione economica, finanze personali e condizioni di acquisto di beni durevoli) e quattro le aspettative (situazione economica, aspettative di finanze personali, condizioni economiche tra un anno e condizioni economiche tra 5 anni).

A differenza dell'ICC, l'UMCSI viene pubblicato due volte al mese, con un dato preliminare pubblicato il secondo venerdì del mese e il valore finale dell'indice pubblicato il quarto venerdì del mese. Nell'indagine preliminare vengono intervistati 420 soggetti e nell'indagine finale 600 soggetti. Il CCI è soggetto a revisioni, a differenza dell'UMSCI.

Sebbene entrambi gli indici si riferiscano al sentimento delle famiglie, i risultati possono differire. L'UMSCI si rivolge a un numero inferiore di intervistati, ma ha domande più specifiche. Inoltre, le due indagini vengono condotte in momenti diversi del mese, per cui eventuali movimenti significativi a breve termine nei mercati possono portare a risultati leggermente diversi.

Oltre agli indici di fiducia dei consumatori ampiamente riconosciuti e monitorati di cui sopra, esistono numerosi altri indicatori del sentiment dei consumatori e delle famiglie pubblicati dai singoli Paesi. In Europa, gli indici GfK sul sentimento economico delle famiglie in Germania e nel Regno Unito sono relativamente noti.

A proposito di FTMO

FTMO ha sviluppato un Processo di Valutazione in 2 fasi per trovare trader esperti. Una volta completato con successo, si può ottenere un FTMO Account con un saldo fino a $200,000. Come funziona?