Fratelli di Sangue: Investimento vs Trading - FTMO
thumbnail
Altro

Fratelli di Sangue: Investimento vs Trading

La libertà finanziaria è un obiettivo molto attraente per molte persone. Al giorno d'oggi, le opzioni sono illimitate. In questo articolo, il nostro collega Tung analizza i due modi più popolari per entrare nel mondo della finanza: il trading e l'investimento. Mette a confronto questi due modelli e fornisce i pro e i contro di entrambi.

Nel corso del vostro viaggio nel mondo del trading o della vita, avrete sicuramente sentito la parola "investire" e sono quasi certo che avrete sentito parlare di "investire" più di quanto abbiate sentito parlare di "trading".

Sebbene questi due termini siano principalmente molto simili tra loro, il loro approccio è molto diverso.

Investire e fare trading non sono altro che un'immissione calcolata del proprio capitale con la speranza di ottenere un aumento del capitale in uscita.

Il motivo per cui ho parlato di "speranza" è che ogni investimento o operazione comporta una certa quantità di rischio. Poiché oggi gli investimenti e il trading coinvolgono le valute, sono considerati parte del mondo finanziario.

Investire

L'investitore "fratello maggiore" è un approccio prevalentemente avverso al rischio. Anche se dipende dal portafoglio d'investimento scelto, la maggior parte degli investitori si dedica a portafogli d'investimento stabili e a basso rischio.

L'investimento consiste fondamentalmente nell'acquistare e detenere un'attività per un periodo di tempo più lungo, in modo che l'investimento possa funzionare e guadagnare il suo valore, annullando così le perdite a breve termine dovute alle costanti fluttuazioni dei mercati.

Gli strumenti di investimento possono essere un portafoglio di azioni, fondi, obbligazioni o anche immobili. Gli investitori spesso si preoccupano della performance, dei fondamentali e delle prospettive future di un asset per una crescita costante, piuttosto che entrare e uscire da posizioni a breve termine, perché spesso le commissioni di acquisto e vendita di un investimento sono più elevate.

Per eliminare il rischio o per mantenerlo a un livello minimo, un investitore cercherà di diversificare le attività in portafoglio.

Ad esempio, un portafoglio diversificato può essere un portafoglio in cui sono presenti attività di tutte le componenti finanziarie come immobili, liquidità, obbligazioni, azioni e fondi.

Quando si investe, in pratica ci si distribuisce, facendo in modo che quando un'attività è sottoperformante rispetto a un'altra, si possa comunque trarre vantaggio.

Tuttavia, ogni investimento comporta una certa quantità di rischio che potrebbe potenzialmente danneggiare il valore delle attività in portafoglio. Può trattarsi di una crisi finanziaria, di una recessione, di una pandemia mondiale o di qualsiasi elemento fondamentale legato direttamente o indirettamente al mercato finanziario.

Il trading

D'altra parte, esiste un altro approccio al guadagno di capitale nei mercati finanziari: il trading.

Il trading comporta operazioni quotidiane più frequenti di acquisto e vendita di azioni, materie prime, coppie di valute, criptovalute, indici e così via.

A differenza dell'investimento, la generazione di profitti dal trading può essere ottenuta sia nei mercati in crescita che in quelli in calo e, nella maggior parte dei casi, non importa se il mercato è entrato in recessione o se il mondo è attualmente colpito da una pandemia, il trading è sempre presente.

Sebbene agli investitori vada bene un 10%-15% di guadagno annuo in conto capitale, i trader di solito puntano a un 10% al mese; tuttavia, come già sappiamo, a un maggiore guadagno potenziale corrisponde una maggiore perdita potenziale. Un punto di vista nel trading è quello di comprare basso e vendere alto, e poiché le operazioni possono avere un'elevata leva finanziaria, anche il potenziale di perdita è significativamente più alto.

Un'altra differenza tra il trading e l'investimento è che quest'ultimo riguarda più l'analisi tecnica e il rapporto rischio-rendimento che i fondamentali.

Nota finale

L'investimento e il trading possono essere entrambi molto redditizi e, poiché entrambi comportano l'entrata e l'uscita da una posizione di mercato, una certa quantità di rischi è sempre presente.

Sebbene l'investimento e il trading siano molto simili tra loro, il trading si basa più sui grafici giornalieri, mentre l'investimento si basa più sui grafici mensili, trimestrali o addirittura annuali.

Personalmente, tendo a definire l'investimento come il fratello maggiore del trading, perché il capitale necessario per iniziare a investire correttamente e per creare un portafoglio deve essere di solito molto più elevato. Si tratta quindi di un approccio ai mercati finanziari in un'ottica più ampia.

Gli investitori tendono a distribuirsi per ridurre i rischi e garantire una crescita stabile del proprio patrimonio nel lungo periodo.

D'altro canto, poiché il trading comporta attività quotidiane di entrata e uscita da una posizione, la personalità, l'esperienza, il carattere e la tolleranza al rischio del trader si riflettono nello stile particolare che determina la redditività o meno di un trader.

Detto questo, per iniziare a investire è necessario disporre di un capitale molto più consistente e, se si parte da zero nella costruzione del proprio patrimonio, il trading è un ottimo passo verso un investimento serio e verso la libertà finanziaria. Quando si parla di trading, mi piace usare l'espressione "cacciare o essere cacciati" e in FTMO siamo costantemente alla ricerca di cacciatori che possano ottenere profitti in modo costante e sistematico.

A proposito di FTMO

FTMO ha sviluppato un Processo di Valutazione in 2 fasi per trovare trader esperti. Una volta completato con successo, si può ottenere un FTMO Account con un saldo fino a 200.000 USD. Come funziona?